SERVIZIO DI MEDICINA NUCLEARE

Il nostro servizio

Presentazione del Servizio

Il Servizio di Medicina Nucleare del Centro Ospedaliero Principessa Grace effettua delle scintigrafie convenzionali (dette SPECT) e delle tomografie a emissione di positroni (PET). Dispone di un tomografo PET-TC con scanner a 64 bit, di due Gamma camera SPECT (una delle quali è dotata di uno scanner) e disporrà prossimamente di un rivelatore a semiconduttore CZT specifico per la cardiologia.

Lo Staff

Direttore
Pr. Marc FARAGGI

Vice direttore
Dr. Benoît PAULMIER

Medico Ospedaliero
Dr. Florent HUGONNET

Le scintigrafie convenzionali

Questo Servizio esegue la maggior parte delle scintigrafie convenzionali tramite un’apparecchiatura chiamata Gamma camera (SPECT/CT).
Tra le più frequenti, citiamo le scintigrafie ossee a scopo reumatologico, infettivo od oncologico, le scintigrafie cardiache sia per l’indagine delle patologie coronariche, sia per gli studi sui ritmi cardiaci o della funzione ventricolare sinistra, le scintigrafie polmonari per la ricerca di embolia polmonare o in bilancio preoperatorio, le scintigrafie per i tumori neuroendocrini (recettori per la somatostatina, MIBG), le scintigrafie cerebrali nel caso di malattia di Parkinson, le scintigrafie tiroidee, le linfoscintigrafie nella ricerca del linfonodo sentinella e nel linfoedema degli arti, le scintigrafie renali…

GE NM/CT 870 CZT

Scintigraphie myocardique

Scintigraphie myocardique

Due prime linee: le immagini durante la prova da sforzo sono presentate sulla linea superiore e le immagini a riposo sulla seconda linea. La scintigrafia miocardica ha rivelato una zona mal irrorata durante lo sforzo a livello della parete anteriore del ventricolo sinistro e a livello della punta e del setto (in arancione nell’immagine a livello delle frecce), normale a riposo (in rosso), indicando un’« ischemia miocardica ».

Nella linea in basso si trova la rappresentazione tridimensionale in modalità video. La contrazione globale del cuore è normale.

Esempio di scintigrafia ossea focalizzata su una compressione vertebrale della quarta vertebra lombare.

La tomografia a emissione di positroni (PET)

È possibile eseguire vari tipi di esami PET, in funzione del tracciante utilizzato. L’esame più comune, che viene eseguito giornalmente, è la PET con 18F-FDG (derivato del glucosio). Questo esame necessita però di una preparazione sotto forma di digiuno rigoroso della durata di 6 ore (contattare il Servizio per informazioni più dettagliate). Questo esame è prescritto in ambito oncologico, ma anche infettivo/infiammatorio o neurologico.

Possono essere utilizzati anche altri traccianti, ma implicano un ordine e una consegna speciali. Citiamo la 18F-Colina (tumore della prostata), la 18F-DOPA (tumori carcinoidi del tratto digestivo) e ben presto il 18F-Florbetapir (malattia di Alzheimer), il 18F-Na (indagini oncologiche e reumatologiche dello scheletro) e il 18F-Estradiolo (studio dei recettori agli estrogeni dei tumori mammari).

Le mCT (PET/CT) du CHPG

Le mCT (PET/CT) du CHPG

Illustrazione di una PET richiesta per un tumore del polmone: questo esame mette in evidenza, oltre a un nodulo tumorale del polmone destro (frecce gialle), un linfonodo malato (freccia blu), senza altra anomalia sospetta di metastasi, e ciò rende il paziente idoneo per un intervento chirurgico.

Questo paziente presenta, tra l’altro, un’artrosi infiammatoria della spalla sinistra e una dilatazione delle vie urinarie alte dal lato sinistro (frecce nere).

Illustrazione di una PET cerebrale: si tratta di una paziente di 74 anni, che presenta un lieve disorientamento spazio-temporale. L’esame mostra che alcune regioni del cervello (zone in blu scuro) hanno in lei un metabolismo rallentato rispetto a quello presente nelle stesse regioni in soggetti normali; questo esame permette quindi di orientarsi verso la malattia di Alzheimer nel suo stadio iniziale.